MEMC – comunicato stampa

L’espansione alla Memc di Sinigo è da valutare positivamente, se gli annunciati investimenti porteranno effettivamente a nuovi posti di lavoro. Sebbene il mercato del silicio fosse in enorme espansione, fino a poco tempo fa erano previsti tuttavia periodi di chiusura di alcuni reparti ove i lavoratori venivano o spostati provvisoriamente (mobilità interna) o dovevano richiedere l’anticipo delle ferie e dei riposi compensativi (flessibilità) da recuperarsi nei periodi di lavoro. Tali periodi di lavoro-non lavoro pongono coloro che ne sono coinvolti in una situazione spiacevole, poco gestibile, discriminatoria, incerta per i precari ed insoddisfacente e con il pericolo della cassa integrazione. Tuttavia gli investimenti della Memc a Sinigo possono aprire nuovi scenari nell’ambito dello sviluppo economico della città. Sta però all’amministrazione comunale agire in modo adeguato, iniziativa che in passato è sempre mancata. Rifondazione Comunista di Merano lancia pertanto l’idea di creare a Sinigo una vera e propria filiera del Silicio che comprenda non solo la produzione del Silicio come già avviene, ma anche la produzione di pannelli fotovoltaici, un mercato in enorme espansione e che vede paradossalmente pochissime aziende specializzate in questo settore sul suolo nazionale. Per rendere l’idea del potenziale di questo mercato bastano alcune cifre: negli ultimi tempi il fotovoltaico è cresciuto mediamente di 8 Megawatt al mese, nel 2007 il mercato del fotovoltaico si è incrementato di oltre 7,4 volte rispetto al 2006, e nel solo anno 2007 si è installata una potenza fotovoltaica molto maggiore di quanto non fosse il totale cumulativo presente in Italia, quindi quello installato in quasi 30 anni. L’amministrazione dovrebbe prendere l’iniziativa coinvolgendo l’industria locale, i sindacati, la Provincia, ma anche l’università e non da ultimo la cittadinanza di Sinigo per creare un vero polo scientifico-industriale per la ricerca di nuove tecnologie per la produzione di energia rinnovabile e di pannelli fotovoltaici a Sinigo, creando così nuovi posti di lavoro di alta specializzazione e possibilità di lavoro per giovani ricercatori. Inoltre le celle per il fotovoltaico potrebbero essere prodotte in loco, senza l´aggravio di trasporti, ma soprattutto con la possibilità di produrre il tutto alla fonte.

La richiesta, anche in provincia, delle fette di silicio, è in notevole aumento. In Italia ci sono pochissime fabbriche che le producono, ma il fabbisogno è in continuo aumento e si prevede un incremento ulteriore per i prossimi. I pannelli fotovoltaici vengono acquistati, oltre che in oriente, anche in Spagna, Austria e Germania. Spesso si tratta di pannelli costruiti con fette del materiale proveniente dallo stabilimento di Merano. Inoltre anche il mercato regionale è in continua espansione, il Trentino-Alto Adige è una delle regioni capofila per potenza installata.

È innegabile che un intervento pubblico, anche indiretto, deve essere ispirato al benessere dei lavoratori/delle lavoratrici, ma in questo caso sarebbe garantito anche un vantaggio economico fin da subito. Sarebbe anche un investimento che promuove dei benefici ambientali (limitare l’emissione di sostanze nocive in atmosfera e incentivare l’uso delle fonti rinnovabili in ambiente urbano) e si inserirebbe in modo positivo nel territorio.

Un intervento  politico perché la Memc destini parte del proprio policristallo per essere trasformato in loco in pannelli fotovoltaici, potrebbe significare una svolta economica ed ambientale di tutto rispetto per Merano, con soddisfazione di chi ci lavora, redditizia per gli operatori economici e per contribuire alla parziale diminuzione dell’uso di energie non rinnovabili, come ci chiede l’Europa, ma anche il resto del pianeta. Da questa proposta si potrebbero anche ottenere cospicui finanziamenti dallo stato.

Merano potrebbe divenire così un centro di ricerca e di produzione di energie alternative, uno dei pochi, se non l’unico a livello nazionale.

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s