La Giunta di Merano in stato confusionale

La giunta di Merano per una volta tanto è rientrata in stato confusionale. Dopo avere appoggiato in modo più che convinto sia nel consiglio dei Comuni che nell’ambito del Consiglio Comunale il decreto n. 75 del 23.1.2012 con cui la Provincia introduce di fatto forzatamente la settimana breve nelle scuole dell’obbligo e secondarie, il sindaco di Merano Januth improvvisamente fa marcia indietro e chiede alla provincia una proroga di attuazione del decreto, come ottenuto dal comune di Bolzano. Unica differenza: Bolzano la proroga la chiesta e ottenuta, come sarebbe logico, prima dell’approvazione del decreto stesso. Per chi non lo sapesse, la Provincia Autonoma di Bolzano, con il decreto n. 75, fregandosene altamente della legge dello stato che ormai già alcuni anni fa aveva introdotto l’autonomia delle scuole in ambito didattico-organizzativo, costringe le scuole primarie e secondaria a uniformare gli orari introducendo la cosiddetta settimana breve, lasciando libero il sabato. Dato che le ore di lezione non possono essere ridotte, gli istituti scolastici, dovranno aumentare le lezioni pomeridiane, che a loro volta faranno crescere la domanda di usufruizione delle mense (finanziate dai comuni). Nel dibattito pubblico che ha preceduto la votazione del decreto in consiglio provinciale, una grossa maggioranza dei diretti interessati, ossia tutte le sigle sindacali, i genitori, gli studenti, nonché il consiglio scolastico provinciale, si sono espressi chiaramente contro il decreto, perché ritenuto lesivo dell’autonomia della scuola, lesivo della legge provinciale che regola le votazioni nell’ambito degli organi collegiali (il decreto prevede che la settimana lunga possa essere introdotta solo se 10 dei 14 componenti dei consigli scolastici si esprimono a favore! Con buona pace del principio della maggioranza assoluta) e perché l’uniformità viene ritenuta didatticamente insensata. La clausola che prevedeva la possibilità di ridurre le ore di lezione fino al 5% del totale (sic!), dopo che il governo nazionale si era espresso contro, è stata per fortuna eliminata. Almeno in questo un po’ di buon senso è percepibile. Per il resto la Giunta Provinciale intende andare avanti a testa bassa (lo ha ribadito oggi il presidente della Giunta Durnwalder), anche dopo che i sindacati prima e il Governo dopo hanno presentato ricorso contro il decreto. In più per i comuni (in primo luogo per le città) il decreto comporterà spese aggiuntive di non poco conto, perché dovranno essere potenziate le mense scolastiche e dovrà essere potenziato il sistema dei trasporti pubblici. Ora e finalmente anche la Giunta di Merano scopre le criticità del decreto n. 75 e pare abbia intuito che il Comune dovrà trovare nolens volens nuovi fondi per mense e trasporti. Dove gli andrà a cercare, di fronte alle casse comunali quasi vuote, nessuno lo sa. Solo pochi giorni fa, durante uno degli ultimi consigli comunali, più di una consigliera/un consigliere di opposizione di centrosinistra (tra cui il sottoscritto) aveva ribadito esattamente le problematiche suddette. Ma ne il Sindaco, ne gli assessori hanno mostrato di percepire il messaggio. Fino a ieri. Quando il Sindaco ha dichiarato che si, in effetti un problemino c’è. Meglio tardi che mai, ci verrebbe di dire. Se non fosse che il decreto è già in vigore. In tutti i mesi passati il Sindaco e la sua Giunta si saranno confrontati seriamente con la problematica o hanno seguito semplicemente i relativi diktat dei loro partiti? Come mai il Sindaco in un primo tempo ha votato a favore del decreto, mentre il suo vice Balzarini al contempo lo smentiva dichiarando che il decreto penalizzava le scuole, genitori e alunni? Purtroppo per l’ennesima volta questa maggioranza di centrodestra ha mostrato di avere ben poche idee. E confuse.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s