Dopo 75 anni la tragedia di Guernica cosa ci insegna?

Il 26 arile 1937 gli aerei tedeschi della legione Condor bombardarono la città basca di Guernica, causando centinaia di morti fra la popolazione civile e distruggendo l’80% degli edifici della città. I nazisti (insieme alle truppe fascisti) erano stati mandati in Spagna a sostenere i ribelli falangisti del generale Franco che lottava contro il governo del fronte popolare. La guerra civile spagnola fu il preludio alla seconda guerra mondiale e terreno di allenamento per i militari nazifascisti che si preparavano a seminare distruzione in Europa.

La storia non si ripete, ma certe strutture e  modi di pensiero si:  anche oggi, dopo 75 anni, l’intervento militare a sostegno dei “ribelli” (Afghanistan, Iraq, Libia, gli esempi più recenti) è visto da molti governanti e da grosse fette dell’opinione pubblica europei come strumento necessario per ristabilire l’ordine auspicato; anche oggi, dopo aver ristabilito “l’ordine” (apparente) non ci si preoccupa più delle popolazioni bombardate; anche oggi le vittime dei bombardamenti sono nella quasi totalità dei casi donne, bambini, uomini innocenti.

Eppure c’è chi anche oggi parla, usando il linguaggio cinico tipico dei fascismi, di guerre “necessarie e umanitarie”, facendo finta di agire in nome di un dovere missionario, quasi metafisico, religioso. Ovviamente è fin troppo evidente che la legittimazione che i guerrafondai contemporanei si danno, e cioè di volere garantire i diritti delle popolazioni (che vanno a bombardare) non regge, come non reggeva 75 anni fa. Nel ’37 i fascisti si preparvano a portare la guerra dalla Spagna al resto dell’Europa. La NATO oggi quale significato ha e quali fini persegue?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s